29 dicembre 2015

Tartan, un classico

Un classico della moda bambini per l'inverno è il tartan, cioè la fantasia scozzese. Chi non ha mai avuto nemmeno un calzoncino o una gonna scozzese? Mi ricordo ancora la mia gonna sozzese con cui andavo all'asiloda bambina ...! era rossa tipo kilt con tanto di spilla in metallo su un fianco, docevita rosso e calzettoni al ginocchio. 
Il tartan è una fantasia versatile, perfetta per creare stili diversi perchè, a seconda degli abbinamenti, diventa "college", “rock” o "bon ton"(vedi qui lo scamiciato bon ton per bimba) .....tutto dipende dai gusti!
Dopo questa premessa...si, avete capito, anche per il lavoro di oggi ho cucito il tartan. Si tratta di una gonnellina in scozzese rosso e verde su fondo bianco. 

E' una gonnellina sbarazzina a semi ruota, che si presta ad essere indossata con un'infinità di abbinamenti..., non solo a Natale.




Ciaooooo,
Sara

18 dicembre 2015

Spilli e pennelli su Repubblica?!????


Caro Babbo Natale, anzi... Caro Gesù Bambino, visto che Babbo Natale non esiste, non so se quest'anno sono stata brava... diciamo però che mi sono impegnata.  Magari un po' di carbone me lo sono meritato lo stesso... poco male... a me quello dolce piace pure.

Durante quest'anno ho fatto tante cose anzi, tantissime. E il mio amato blog Spilli e pennelli ne mette in fila un bel po'...ad oggi sono 46 i post del 2015 e quindi sono 46 i lavori che ho pubblicato e condiviso in rete (sono 163 dal 2012...ecco, ti distrai un attimo, e ti sfuggono di mano!).

Tanti lavori di cucito, di sartoria, di refashion, di cucito creativo alla mia maniera, sono ancora catalogati nella cartella "Da postare" nel mio pc. Ma, se c'è una cosa che ho imparato durante questa magnifica esperienza di blogger, è che non bisogna avere fretta, come per la sartoria. Già...ve lo dice una che porta avanti almeno due lavori contemporaneamente, e ho detto almeno... ma questo è il mio modo e -il mio mondo- di lavorare. Creativo e disciplinato, multitaskig e concentrato. 

Caro Gesù Bambino, non ti chiedo regali... nemmeno quello di consolazione per premiare l'impegno perchè quest'anno me l'hai già fatto. Ed è uno davvero grande, inaspettato e sorprendente... si condensa tutto in questo articolo di Repubblica apparso il 7 ottobre a firma della giornalista Erica Manna. La riproduzione dell'articolo è giustamente riservata ma, sperando di non fare gran danno (ma eventualmente provvedo a cancellarla senza problemi), riporto solamente una frase per chi non ha la pazienza di leggere tutto l'articolo... sono tre righe che mi hanno dato una grandissima e impagabile soddisfazione: 
[...] D’altronde, basta digitare su Google la parola cucito per vedersi comparire elenchi sterminati: A tutta stoffa, Supercut, Appeso a un filo, Spilli e Pennelli, dove si impara l’arte dell’abito e tra un taglio e una foto si filosofeggia pure (“cucire è una forma di libertà”). [...]
Spilli e pennelli? si, proprio il mio Spilli e pennelli!!
L'articolo presenta una nota scuola di moda e parla del notevole interesse risvegliato dai corsi di taglio, nonchè del curioso abbinamento tra filosofia e sartoria...
Mette in luce una rinnovata e diffusa volontà di voler saper fare in un ambito - quello della sartoria- che, all'alba del terzo millennio, sembrava dimenticato, cosa d' altri tempi... insomma kaputt. E invece no. La giornalista ipotizza il motivo di tutto questo interesse: necessità, originalità, svago? Chi lo sa? Ognuno ha le proprie motivazioni, che possono essere una o centomila, solo la mente e il cuore lo sanno.
E io? Per quanto mi riguarda, credo che principalmente mi abbiano spinto la curiosità, l'originalità, e la sfida. La prima è stata superata dalla passione, la seconda è in itinere e in divenire e la terza....solo con il tempo saprò se è stata una buona stella polare....ma, tanto, non ho fretta...
Intanto procedo e creo, cucio, mi diverto, imparo, spiego, traggo e spero di dare ispirazione, conosco un sacco di gente e, last but not least....mi rifaccio il guardaroba!

Quindi, Caro Gesù Bambino, per quest'anno ti auguro semplicemente e affettuosamente un buon S.Natale, come lo auguro a tutte le amiche e tutti gli amici che passano per queste pagine, sia che seguano quotidianamente Spilli e Pennelli sia che passino solo per una visita, magari dall'estero. A tutti il mio sincero augurio.... a happy Christmas to everybody!

Ciaoooooo,
Sara

11 dicembre 2015

Un allegro cardigan rosa

Ciao carissime! Bentrovate.
Come state? Io bene, oggi è una bellissima giornata ed è pure venerdì...cosa voglio di più?!?
Il lavoro del post di oggi riflette il mood...è di un allegro ed energico rosa.
Si tratta di un cardigan, semplice e dalla forma leggermente scancrata, con due lunghe pinces che partono dalla vita. Lo scollo è leggermente sagomato ed è abbottonato sul davanti con bottoni rettangolari in metallo. 
 
 
Ho cucito della fettuccia in contrasto sull'abbottonatura, che fa da motivo e da sostegno alle asole.
 
 

 
Ciaooooo,
Sara

2 dicembre 2015

Gonnellina in ecopelo .... aspettando la neve

Ciao a tutte!
Finalmente il freddo è arrivato...e in molte località, udite udite, si è aperta la stagione dello sci grazie all'innevamento artificiale. Evvivaaa! Come ogni gran dama, la neve si sta facendo attendere -e quindi ben venga il succedaneo- ma non perdo la speranza di vederla presto e la pazienza di aspettare non mi manca. Mi gusto già lo spettacolo dei fiocchi che cadono silenziosi e indifferenti a tutto ciò che succede intorno.
Sono tra quelle persone che amano la neve anche in città...si....l'ho ammetto e lo scrivo pure! ...e spero di non perdere fedeli lettrici o appassionati lettori dopo questo coming out. Insomma, a me la neve piace, comunque e ovunque.
E proprio alla neve dedico il lavoro di oggi...fatto di un leggero coltre di soffice ecopelo. Si tratta di una gonnellina a portafoglio per bambina tanto graziosa quanto morbida.

 

Spero che le foto rendano la morbidezza perché vi assicuro che è quasi impalpabile.


Dopo la poesia la nota tecnica...avete mai lavorato un ecopelo foltissimo?
Vi ricordate quando l'avete tagliato cosa è successo? nel mio caso, sul pavimento si è materializzato un tenero coniglio d'angora che distribuiva svolazzanti fili impalpabili ad ognidove....che sono riuscita a domare solo dopo un battuta di caccia con il fido folletto ;-)


Ma ne è valsa la pena, me lo dico da sola...aspettando la neve, questa gonnellina in ecopelo è perfetta!

Ciaoooooo,
Sara

25 novembre 2015

La mia nuova giacca trapuntata!

Ciao a tutte!
Per gli amanti del genere...oggi vi mostro la mia giacca in tessuto trapuntato nero Louis Vuitton.
Il modello è a trapezio e la chiusura è con un unico bottone in cui campeggia il famoso logo. Ho scelto una linea semplice e pulita, per non appesantire il capo...ormai lo sapete, con il tessuto è già di per se ricco o particolare, preferisco un design minimalista.
 





Ciaooooo,
Sara

16 novembre 2015

Gonnellina in velluto rosso...amore a prima vista

A volte basta poco: un pezzetto di velluto a costine e la macchina da cucire per realizzare un capo che fa della sua apparente semplicità, la sua bellezza.
Ho realizzato la gonna per bambina che vedete e me ne sono subito innamorata! E' vero che ogni scarrafone è bello 'a mamma soja...ma qui non mi riferisco alla fattura (peraltro ottima...ihihihihhh) ma al modello. Mi piacciono le piegone che danno movimento alla gonna.


 Il cinturino davanti è liscio...

...mentre quello sul dietro ha dell'elastico, che permette un migliore adattamento alla vita della bambina che l'indosserà....



...e che non vedo l'ora di vedere!!

Ciaooooo,
Sara

6 novembre 2015

Cappotto ispirato all'autunno

Buongiorno a tutte!
Evviva! L'autunno è arrivato....splendido e, come sempre, non delude.
Guardiamoci intorno: colori, colori e ancora colori... in mix perfetti e sumature sorprendenti.
Qui da noi, poi, sta facendo un autunno soleggiato con il cielo quasi sempre blu. La sera scende la bruma, con la tipica nebbiolina che ovatta il paesaggio e la mattina tutto è scintillante di rugiada...

Sono queste le atmosfere che mi hanno ispirato il capo di oggi.

Si tratta di un cappottino di media pesantezza, adatto al clima autunnale.
Fonte Pinterest
Fonte Pinterest

Ha maniche a kimono lunghe tre quarti e collo alto. 

Fonte Pinterest

L'interno è, ovviamente, color zucca :-) con una comoda taschina.

Ciaoooooo,
Sara

30 ottobre 2015

Scaldacollo 3.0

Un altro?!?!? Siiiiii anche lui nella grande famiglia degli scaldacollo della SARtoriA di Sara!! Ce n'è di tutti i colori....rosso, marrone, melange, nocciola, blu, rosa e ogni pezzo è unico... perchè rigorosamente artigianale!

Lo scaldacollo di oggi ha la chiusura fissa e una lana acrilica molto, ma molto grossa...



Ciaoooo,
Sara

22 ottobre 2015

Allegri grembiuli da scuola materna

Il tempo passa e di acqua sotto i ponti ne è passata da quando andavo alla scuola materna ... ma conservo bellissimi ricordi. Allora tutti avevamo gli stessi grembiuli, che si differenziavano solamente per il colore ... o per i ricami più o meno volontari e assolutamente irripetibili fatti di pennarello.
Ora -almeno in alcuni asili- non è più così e capita che i bambini possano decidere le proprie personalizzazioni come ha fatto Simone, che ha decretato: un grembiule giallo e uno arancione con tasca diversa. Poi io ci ho messo del mio e con il post di oggi vi mostro il risultato...

Per prima cosa i colori, ho scelto una tonalità di arancione e una di giallo ben definite, che non confondessero il mio piccolo amico.
Per quanto riguarda la stoffa, si tratta di un cotone con un peso medio, non troppo pesante ma nemmeno sottile per evitare che si sgualcisca.
 

I bottoni sono belli grandi così se lo può allacciare da solo e le due tasche sono capienti e robuste per per contenere il necessario.
 

 
La taschina e l'interno del collo sono caratterizzati da stoffa in contrasto.

 
Ed ecco il grembiule giallo che, come vi dicevo, è proprio giallo... con dettagli in azzurro.
 


 

Ciaooooo,
Sara
 
 

15 ottobre 2015

Il mio primo free motion quilting

Ciao a tutte!
Poco tempo fa, avevo un regalo da fare ad una persona cara che sta "mettendo su casa". In realtà era più un'aggiunta ad un regalo già definito e mi piaceva l'idea di regalare qualcosa di utile, unico e ovviamente fatto da me (il che non significa "lo-faccio-io-invece-di-comprarlo-così-risparmio"... sfatiamo un luogo comune perchè non è così! Regalare/acquistare un oggetto fatto a mano ha ben altri significati! Quali? Leggi qui).

Non sapendo nulla della nuova casa, alla fine ho deciso per una coppia di americani. Io li trovo molto pratici per la colazione della mattina.
Per l'esterno, ho scelto due allegri cotoni americani, mentre all'interno li ho imbottiti leggermente. 


Invece della classica trapuntatura a rombi/quadri, ho preferito ricamare un disegno che ricordasse una delle grandi passioni della persona per cui li stavo cucendo: la barca a vela.
Con l'aiuto di una dima, ho quindi disegnato la sagoma scelta sul tessuto.
Ho montato sulla macchina da cucire il free motion quilting foot e mi sono divertita a disegnare con ago e filo... :-)


Ovviamente il disegno si è ricamato su entrambe le facce della tovaglietta ed è perfettamente speculare.








In rete ci sono lavori strabilianti con la medesima tecnica e le possibilità e le applicazioni sono infinite...il mio è un primo lavoro ma da qualche parte si deve iniziare.
Dai, posso dire di aver levato l'ancora!

Ciaooooo,
Sara


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...