3 maggio 2014

La sfida degli errori

Come un errore può diventare un'opportunità... Dedico questo post a due progetti, entrambi non riusciti...nella maniera che mi ero prefissata. Capita infatti che mi cimenti in un nuovo lavoro senza avere ben presente l'obiettivo finale. O meglio, so dove voglio arrivare ma, la difficoltà di realizzazione, come mi sta il modello una volta messo in prova, l'effetto che fa una stoffa piuttosto che un'altra.... a volte mi portano a fare un capo diverso rispetto a quello preventivato.
Anche in cucina basta poco: un ingrediente che pensavo di avere ma a metà ricetta scopro che manca, la cottura, l'umidità... Insomma o si butta via tutto o ci si ingegna. E io ovviamente scelgo la via creativa!

Sarà capitato anche a voi che cucite (ditemi di si, vi prego....) di tagliare, iniziare a cucire e....non mi piaceeeeee... A me è accaduto con un abito a sottoveste in seta. Ho pensato: ma dove vado!??! Mi sembra una camicia da notte...  Però mi spiaceva buttare la seta...finché un giorno è arrivata l'illuminazione! la trasformo in blusa, senza maniche perché non c'è stoffa a sufficienza...

Ho ricavato la blusa dalla parte più larga dell'abito (quella inferiore), utilizzando la parte del corpino per ricavare lo sbieco per la finitura. Siccome era corta (arrivava solo alla vita), l'ho allungata sui fianchi con un cady di seta blu che si annoda in un fiocco su un fianco ..... eccola:






L'altro progetto di recupero in corsa è invece culinario: macaron venuti male....ma proprio male!
Avrei dovuto sospettarlo già da crudi, con tutte quelle bollicine. Ma la speranza.... 

....mi ha abbandonato una volta sfornati:

No problem, li ho comunque farciti con marmellata di lamponi e crema di arachidi (accostamento trovato in un libretto di macaron, da provare....sono ottimi)...et voilà... biscottini farciti per deliziare palati golosi!
L'occhio non me ne voglia, stavolta non ha avuto la sua parte..... :-)

Anche voi è capitato di accogliere la sfida lanciata dai vostri stessi errori? Come ve la siete cavata?

Ciaooooo,
Sara

5 commenti:

  1. Ciao Sara,
    io ho sempre ammesso che più scucio che cucio ^-^
    da autodidatta faccio tanta fatica a capire come devo fare, tagliare, cucire e poi ci resto male perchè non riesco a fare ciò che vorrei.
    La tua blusa è molto bella e l'idea del fiocco la rende anche molto elegante. Sarebbe stato un vero peccato per la seta che è un tessuto molto prezioso e costoso.
    Brava ^-^
    Un abbraccio e buona settimana
    Nunù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nunù!
      Anche io scucio tanto, anzi tantissimo....ma come mi hanno insegnato, non bisogna avere paura di scucire. E' una barba e scoccia sempre, ma con tutta la fatica che si fa a fare le cose come le vorremmo, per me ne vale sempre e comunque a pena! Ricambio l'abbraccio :-)
      Sara

      Elimina
  2. Anche a me capita spessisimo di sbagliare sia col cucito e sia con gli esperimenti culinari....è una scocciatura ma alla fine in qualche modo si risolve sempre!....come hai fatto tu con la blusa:-)
    Un abbraccio, Elisa

    RispondiElimina
  3. Visto!!! Ho sbagliato anche a scrivere ahahahahah......spessissimo con una sola "s"...hihihihi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è divertente, si parte e si arriva...da qualche parte... :-)
      Bacio

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...